Passa il tempo e seguo sempre più da vicino l'ingerenza di stranezze sulla 'crescita' dei ragazzi, sul loro vissuto, sulla 'violenza' imposta da molti fronti che mai possono essere ... Da colloqui con vari genitori e psicologi in questo periodo storico particolare di suo, ho pensato di proporre un paio di paginette del 4 Capitolo 'L'essenza della Conoscenza', del mio nuovo libro 'Qualcosa di personale'. Una parte della guerra, ancora in corso per me almeno, contro il vigile urbano roberto martinelli di mariano comense che mi vede attivo alla Corte Europea dei diritti fondamentali dell'uomo e prossimamente speriamo su varie testate internazionali e TV - assolto nel procedimento penale chiaramente IO - Lui archiviato che significa non assolto ma colpevole con mancanza di ... voglia di procedere ma il libro è molto esauriente su questo. Porto due passaggi che credo essere importanti se letti in profondità e riguardano molto il futuro dei Patati, lo sport, la squola, la famiglia, l'imposizione alla crescita zero ... e il motivo del disastro sociale dei giovani, oramai in corsa da anni.



Ho riportato esattamente l’accadimento con i due unici documenti redatti dal vigile urbano roberto martinelli di mariano comense sull’argomento in modo completo mentre non ho riportato integralmente gli atti depositati dai legali che hanno seguito me in quanto poco utili per addentrarsi nella verità ‘inquinata’. Ho riportato gli articoli del codice penale italiano relativi ai vari passaggi dialettici, che chiunque può trovare anche su internet, punto per punto, lasciando correre la ragione a latere, lasciando libertà di inserire nella violenza delle parole, e del concreto, usate dal vigile urbano roberto martinelli di mariano comense, la propria osservazione. Vocaboli che vengono proferiti nei confronti di un libero incensurato cittadino la cui colpa sino ad oggi a mariano comense e dintorni è essere uomo, uomo vero che non si piega al corrotto pensare ed enorme conoscitore del basket il che da fastidio anche alla mediocrità delle realtà sportive dei dintorni che usano lo sport a beneficiare soldo e a queste particolari realtà sportive e a chi del suo encefalogramma piatto ha fatto vita di squallida violenza, ‘dedico’ questo capitolo e questo libro.

Non esprimo giudizio sul fatto che deve restare libero nella sua narrazione lasciando a tutti la libertà di leggerlo seguendo le proprie virtù, vorrei invece addentrarmi nella spiritualità corrotta, nella dissoluzione della fede, o meglio nella sua indifferenza, gestita dal comodo o dal portafoglio nel quale inglobo tutto quanto può essere definito dal soldo nel suo ampissimo significato.
In questi ultimi due capitoli ho creato momenti di vita cercando di evidenziare che nel 2021 la bestemmia ‘pro’ alla chiesa si è accresciuta con l’appiattimento dell’encefalogramma sociale a causa della mistificazione della realtà a cui ci si è convertiti. Sorrido a quanto i ‘miei’ ragazzi mi urlano mentre impaginando i capitoli leggono sfiorando la mia vita … ‘necessiterebbe ridurre i momenti di realtà nel libro per renderlo digeribile a tutti.’ … e rifletto essendo concreto e significativo il detto. Vogliamo sempre credere ad una versione della realtà che ci tranquillizzi e ci faccia stare bene, non siamo disposti ad uscire dalla nostra zona di conforto in modo che ciò che sappiamo, o supponiamo, essere vero non si disfaccia ed è per questo che credo che tutti hanno una grande resistenza a prendere in considerazione rappresentazioni della realtà cosi diverse da quelle a cui si è abituati, perlomeno nella fantasia della propria fantascienza … realtà a cui non si è mai voluto credere per mille motivi. Ci vuole tempo, ci vuole critica e autocritica, e non uso il condizionale, meglio è rigettare tutto, meglio continuare a dormire i propri sonni tranquilli … forse!

Ma qui viene offerta una rappresentazione alternativa della realtà, una rappresentazione difficile ‘imposta' da uno strano personaggio che ha la forza di combattere le sue guerre in difesa della Spiritualità, della Chiesa, della Verità, concetto che in copertina inserisco sulla Croce del Divino, colui che la moltitudine bestemmia quotidianamente con il proprio non fare e con la propria codarda comodità. Qualsiasi argomento emozionale, in positivo o negativo, proponessi si scontrerebbe con l’appiattimento culturale del popolino che seppur completamente irrazionale, conduce lo stesso a non prendere in esame quei fatti che demolirebbero il quadro della sua realtà. Studi di psicologia definiscono questo sistema di falsa tranquillità morale ‘Bias di conferma’ che traduce un processo mentale che consiste nel selezionare le informazioni possedute in modo da porre maggiore attenzione, e quindi maggiore credibilità, su quelle che confermano le proprie convinzioni e, viceversa, ignorare o sminuire quelle che le contraddicono, perché altrimenti si dovrebbe entrare nel mondo dell’auto critica e mettersi in discussione, come accennavo poc’anzi, meglio continuare a dormire i propri sonni tranquilli, se poi f***o mio figlio … pazienza!.

Sono cosciente che oggi tutto ciò che esce dalla comfort-zone viene bannato dal cervello, sono cosciente che promuovere certe riflessioni non è facile, e anche qui nego il condizionale, quindi mi siedo e rifletto sul problema della complicanza a mostrare la verità; il problema è che se la verità oggettiva diviene parte di quelle cose che vanno spiegate … beh, siamo già in una tracimazione di idiocracy nella nostra realtà e a quel punto qualsiasi ragionamento andassi a proporre, può, no condizionale, essere fatalmente devastante. (Idiocracy è un film del 2006. In questa commedia dall'ambientazione fantascientifica viene dipinto uno scenario distopico  - previsione, descrizione o rappresentazione di uno stato di cose futuro, con cui, contrariamente all’utopia e per lo più in aperta polemica con tendenze avvertite nel presente, si prefigurano situazioni, sviluppi, assetti politico-sociali e tecnologici - del futuro dove, a causa della maggiore prolificità delle persone superficiali, il livello di intelligenza - dove viene inteso non culturale ma social-comodo - medio raggiunge livelli talmente di bassa moralità da mettere a rischio la sopravvivenza del genere umano.)

Descrivo storie come se fossero macchine del tempo mentre si avventurano nel passato prossimo o meno prossimo e raffigurano una società falsa che purtroppo esiste nel fantascientifico pensiero del corruttore l’anima di coloro che si sono venduti alla chiesa. Descrivo la corruzione del pensatore in posizione di potere, nel pieno controllo di ciò che lo circonda umanoidi compresi, coloro con anima emarginata a causa del proprio non pensiero. Vorrei riscrivere le storie, fornire ai lettori una piattaforma per re-immaginare il passato e proiettare un futuro migliore, almeno per i propri figli dando loro un riferimento nella vita … la verità, cercando di ripristinare i valori di ieri, di quella vecchia cascina di cui accenno nel capitolo 1 dove l’orgoglio dell’Anima traspariva, i rotti venivano guariti e raccontare Storie era formare.